cheFare sostiene Art Workers Italia durante le [TAVOLE ROTONDE “HOW TO”], tre incontri online che coinvolgeranno gruppi di lavorat* dell’arte italiani, europei e internazionali impegnati a sollecitare cambiamenti strutturali, esercitare pressioni politiche in ambito culturale e sviluppare strumenti e strategie per negoziare con le istituzioni. Ogni tavola rotonda rifletterà su uno specifico tema o strumento e farà emergere case-study positivi implementabili in diversi Paesi e contesti.

In questo primo appuntamento l’obbiettivo sarà l’analisi della genealogia generale del lavoro nel mondo contemporaneo, così da poterci fornire reciprocamente strategie e tattiche per l’auto-organizzazione.

Questa tavola rotonda servirà per mettere in dialogo le diverse esperienze di legittimazione del lavoro culturale, confrontando i tentativi di protesta e organizzazione in campo artistico, visti dall’occhi interno dell’operatore culturale. Lo scopo è anche quello di creare una comunità trasversale con cui condividere strumenti di lotta e poter ridefinire i termini e le condizioni per uno statuo del lavoro più etico.

Il giorno 5 dicembre alle 16:30 su Zoom, con la moderazione di Vincenzo Estremo.

Clicca qui per partecipare

L’incontro si svolgerà in occasione della “Giornata del Contemporaneo”, un evento annuale promosso da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani per celebrare l’arte contemporanea in Italia.

5 dicembre, dalle 16:00

Come scioperare nel mondo dell’arte – Art Workers Italia e cheFare in dialogo per Hyperunionisation

Videoconferenza online

cheFare sostiene Art Workers Italia durante le [TAVOLE ROTONDE “HOW TO”], tre incontri online che coinvolgeranno gruppi di lavorat* dell’arte italiani, europei e internazionali impegnati a sollecitare cambiamenti strutturali, esercitare pressioni politiche in ambito culturale e sviluppare strumenti e strategie per negoziare con le istituzioni. Ogni tavola rotonda rifletterà su uno specifico tema o strumento e farà emergere case-study positivi implementabili in diversi Paesi e contesti.

In questo primo appuntamento l’obbiettivo sarà l’analisi della genealogia generale del lavoro nel mondo contemporaneo, così da poterci fornire reciprocamente strategie e tattiche per l’auto-organizzazione.

Questa tavola rotonda servirà per mettere in dialogo le diverse esperienze di legittimazione del lavoro culturale, confrontando i tentativi di protesta e organizzazione in campo artistico, visti dall’occhi interno dell’operatore culturale. Lo scopo è anche quello di creare una comunità trasversale con cui condividere strumenti di lotta e poter ridefinire i termini e le condizioni per uno statuo del lavoro più etico.

Il giorno 5 dicembre alle 16:30 su Zoom, con la moderazione di Vincenzo Estremo.

Clicca qui per partecipare

L’incontro si svolgerà in occasione della “Giornata del Contemporaneo”, un evento annuale promosso da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani per celebrare l’arte contemporanea in Italia.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Quindi, cheFare?

Iscriviti al corso

Potrebbero interessarti anche questi articoli

governance

La violenza della buona governance. Una conversazione con Alain Deneault

30 Maggio 2018

Sarò io la prossima? La guerra a casa e a scuola

26 Marzo 2018

Globalised minds

24 Marzo 2015