Giovedì 16 novembre si terrà, all’interno del programma di Bookcity Milano, l’incontro “Le infrastrutture del disordine: come sperimentare nuove funzioni di natura culturale per sollecitare la sfera pubblica?”, presso il Lab di Triennale Milano in Viale Emilio Alemagna, 6, Milano.

L’evento avrà inizio alle ore 18:30 e ragionerà sul concetto di disordine nelle città contemporanee. 

Da sempre le città sono il luogo del disordine, dell’incontro, dello scontro e dell’ibridazione. Eppure, i processi di rigenerazione urbana nella città contemporanea rifiutano sempre di più ogni forma di progettazione, di socialità e di estetica che non sia strettamente improntata all’ordine. Questo è ancora più evidente su Milano, una delle città europee la cui fisionomia è cambiata maggiormente negli ultimi 15 anni. Questo ha pesanti implicazioni politiche, culturali e sociali. Come possiamo riportare il disordine nella vita della città? Come possiamo utilizzarlo come piattaforma per “fare città”? Qual è, in estrema sintesi, il rapporto tra disordine e diritto alla città?

Con Bertram Niessen e Pablo Sendra. Introducono Sergio UrbaniGiordana Ferri

L’incontro è organizzato da BeiLuoghi, progetto di Fondazione Cariplo in collaborazione con Fondazione Housing Sociale.

La partecipazione agli incontri, che si terranno solamente in presenza, è gratuita previa registrazione obbligatoria a questo link:
https://it.surveymonkey.com/r/2V6PKVM

Foto di Soheb Zaidi su Unsplash

Giovedì 16 Novembre

Il rapporto tra disordine e diritto alla città in un incontro al Bookcity Milano

Giovedì 16 novembre si terrà, all’interno del programma di Bookcity Milano, l’incontro “Le infrastrutture del disordine: come sperimentare nuove funzioni di natura culturale per sollecitare la sfera pubblica?”, presso il Lab di Triennale Milano in Viale Emilio Alemagna, 6, Milano.

L’evento avrà inizio alle ore 18:30 e ragionerà sul concetto di disordine nelle città contemporanee. 

Da sempre le città sono il luogo del disordine, dell’incontro, dello scontro e dell’ibridazione. Eppure, i processi di rigenerazione urbana nella città contemporanea rifiutano sempre di più ogni forma di progettazione, di socialità e di estetica che non sia strettamente improntata all’ordine. Questo è ancora più evidente su Milano, una delle città europee la cui fisionomia è cambiata maggiormente negli ultimi 15 anni. Questo ha pesanti implicazioni politiche, culturali e sociali. Come possiamo riportare il disordine nella vita della città? Come possiamo utilizzarlo come piattaforma per “fare città”? Qual è, in estrema sintesi, il rapporto tra disordine e diritto alla città?

Con Bertram Niessen e Pablo Sendra. Introducono Sergio UrbaniGiordana Ferri

L’incontro è organizzato da BeiLuoghi, progetto di Fondazione Cariplo in collaborazione con Fondazione Housing Sociale.

La partecipazione agli incontri, che si terranno solamente in presenza, è gratuita previa registrazione obbligatoria a questo link:
https://it.surveymonkey.com/r/2V6PKVM

Foto di Soheb Zaidi su Unsplash

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

laCall to Action

Compila il questionario

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Fuori orario: andar di notte nelle città di provincia

9 Marzo 2022

Come le città stanno resistendo alla gentrificazione digitale di Airbnb

16 Dicembre 2019

Chi salverà i paesi da chi vuole salvare i paesi?

26 Luglio 2021