Nella mattinata di Sabato 4 marzo dalle 9.30 alle 18.30, nel teatro della Scuola Paolo Grassi di Milano, si terrà un incontro intitolato “Nuovi spazi, nuove creatività, nuove professioni, nuovi pubblici”, organizzato e curato dall’Associazione Culturale Ateatro in collaborazione con Associazione Etre, cheFare e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, nell’ambito della 3^ edizione di Buone Pratiche del Teatro, a cura di Mimma Gallina e Oliviero Ponte di Pino.

Dalle 10.00 alle 11.00 si terrà un tavolo intitolato Modelli e sostenibilità, a cui parteciperanno:
Massimiliano Tarantino, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Bertram Niessen, cheFare
Andrea Rebaglio, Fondazione Cariplo
Davide D’Antonio, Etre
Carlo Testini, ARCI
e Ilaria Giuliani, che sta conducendo la ricerca curata da cheFare e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli sul rapporto tra i nuovi modi di produrre cultura e gli spazi innovativi che si sono moltiplicati a Milano negli ultimi anni.

Questa sarà la prima presentazione pubblica della ricerca, che affronta il modo in cui il rapporto tra cultura e spazi urbani si è trasformato radicalmente, modificando il panorama e la rete dei soggetti che operano oggi in questo settore.

Dal 2004 Buone Pratiche del Teatro valorizza iniziative innovative, riproducibili, sostenibili in ambito teatrale a livello nazionale e la giornata di quest’anno è dedicata in particolare agli spazi di nuova concezione dove si produce cultura per pubblici nuovi.

L’obiettivo è guardare ai luoghi, alla produzione e al pubblico della cultura in una nuova prospettiva. In questi anni stiamo assistendo a una disseminazione di spazi multifunzionali: programmano attività culturali come spettacoli, concerti, mostre, ma ospitano anche co-working e attività produttive e commerciali, offrono ristorazione e ospitalità, formazione e convegni. Coesistono, in varie e creative combinazioni, cibo, letteratura, musica, politica, terzo settore, nuova imprenditorialità, divertimento.
Durante la giornata del 4 marzo, grazie agli interventi di politici e amministratori, organizzatori e studiosi, si analizzeranno alcuni casi a livello nazionale, con qualche confronto internazionale, per individuare tendenze e modalità operative che aiutino a capire queste esperienze e la loro portata innovativa.

L’evento fb è qui
Qui invece il programma della giornata

 

Sabato 4 marzo 2017

Buone pratiche del Teatro

Nella mattinata di Sabato 4 marzo dalle 9.30 alle 18.30, nel teatro della Scuola Paolo Grassi di Milano, si terrà un incontro intitolato “Nuovi spazi, nuove creatività, nuove professioni, nuovi pubblici”, organizzato e curato dall’Associazione Culturale Ateatro in collaborazione con Associazione Etre, cheFare e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, nell’ambito della 3^ edizione di Buone Pratiche del Teatro, a cura di Mimma Gallina e Oliviero Ponte di Pino.

Dalle 10.00 alle 11.00 si terrà un tavolo intitolato Modelli e sostenibilità, a cui parteciperanno:
Massimiliano Tarantino, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Bertram Niessen, cheFare
Andrea Rebaglio, Fondazione Cariplo
Davide D’Antonio, Etre
Carlo Testini, ARCI
e Ilaria Giuliani, che sta conducendo la ricerca curata da cheFare e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli sul rapporto tra i nuovi modi di produrre cultura e gli spazi innovativi che si sono moltiplicati a Milano negli ultimi anni.

Questa sarà la prima presentazione pubblica della ricerca, che affronta il modo in cui il rapporto tra cultura e spazi urbani si è trasformato radicalmente, modificando il panorama e la rete dei soggetti che operano oggi in questo settore.

Dal 2004 Buone Pratiche del Teatro valorizza iniziative innovative, riproducibili, sostenibili in ambito teatrale a livello nazionale e la giornata di quest’anno è dedicata in particolare agli spazi di nuova concezione dove si produce cultura per pubblici nuovi.

L’obiettivo è guardare ai luoghi, alla produzione e al pubblico della cultura in una nuova prospettiva. In questi anni stiamo assistendo a una disseminazione di spazi multifunzionali: programmano attività culturali come spettacoli, concerti, mostre, ma ospitano anche co-working e attività produttive e commerciali, offrono ristorazione e ospitalità, formazione e convegni. Coesistono, in varie e creative combinazioni, cibo, letteratura, musica, politica, terzo settore, nuova imprenditorialità, divertimento.
Durante la giornata del 4 marzo, grazie agli interventi di politici e amministratori, organizzatori e studiosi, si analizzeranno alcuni casi a livello nazionale, con qualche confronto internazionale, per individuare tendenze e modalità operative che aiutino a capire queste esperienze e la loro portata innovativa.

L’evento fb è qui
Qui invece il programma della giornata

 

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

laCall to Action

Compila il questionario

Potrebbero interessarti anche questi articoli

libro verde toscana

Perché un libro verde regionale sull’economia collaborativa?

27 Dicembre 2017

L’economia turistica di Venezia tra sfruttamento e resistenza: intervista a Giacomo-Maria Salerno

3 Luglio 2020

Non serve un nuovo Mondo per salvarci, ma un nuovo popolo