Nella conversazione aperta al pubblico il progetto LA MACCHINA dell’artista 2501 diventa uno stimolo per far incontrare diversi punti di vista sulla creazione di immaginari visivi come pratica di apprendimento e strumento di “liberazione”.

In conversazione con 2501 ci saranno il ricercatore e scrittore Bertram Niessen, direttore scientifico di cheFare, e l’artista visivo Riccardo Arena.

La presentazione verterà sul tema degli immaginari visivi e degli oggetti culturali nella complessità del reale: dalle antiche Physical Visualizations alle moderne rappresentazioni di Big Data, siamo testimoni dell’evoluzione di tecniche di visualizzazione sempre più articolate; allo stesso modo, le controculture, dal cut out Punk fatto con spille, borchie, lacci e toppe alla decostruzione dell’opera musicale dell’Hip hop e della Techno, si creano immagini e identità ibridi, di scontro e incontro.

Come possono gli IMMAGINARI essere strumento di lotta e ricerca dentro noi stessi?

Per informazioni, clicca qui

 

Immagine di copertina BULLROARER – Aeroacoustic Shadows Notations | Mixed media on paper, 100×60cm, Detail, 2024

Domenica 2 giugno

Immaginari. Tra ponti, stratificazioni e deviazioni

Nella conversazione aperta al pubblico il progetto LA MACCHINA dell’artista 2501 diventa uno stimolo per far incontrare diversi punti di vista sulla creazione di immaginari visivi come pratica di apprendimento e strumento di “liberazione”.

In conversazione con 2501 ci saranno il ricercatore e scrittore Bertram Niessen, direttore scientifico di cheFare, e l’artista visivo Riccardo Arena.

La presentazione verterà sul tema degli immaginari visivi e degli oggetti culturali nella complessità del reale: dalle antiche Physical Visualizations alle moderne rappresentazioni di Big Data, siamo testimoni dell’evoluzione di tecniche di visualizzazione sempre più articolate; allo stesso modo, le controculture, dal cut out Punk fatto con spille, borchie, lacci e toppe alla decostruzione dell’opera musicale dell’Hip hop e della Techno, si creano immagini e identità ibridi, di scontro e incontro.

Come possono gli IMMAGINARI essere strumento di lotta e ricerca dentro noi stessi?

Per informazioni, clicca qui

 

Immagine di copertina BULLROARER – Aeroacoustic Shadows Notations | Mixed media on paper, 100×60cm, Detail, 2024

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Cos’è cheFare?

Scopri i nostri progetti

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Patrimonio culturale, nasce Osservatorio su partenariati speciali pubblico-privato

2 Giugno 2021

Design come tecnologia della speranza. Attualità di Tomás Maldonado

11 Ottobre 2022
università

L’età dell’inadeguatezza. Università: dalla condivisione all’autopromozione

23 Aprile 2018