Mercoledì 8 novembre si svolgerà il convegno Gli spazi culturali ibridi: città, persone, visioni e prospettive a Venaria Reale (TO) presso l’aula magna del Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”.

Il convegno nasce per avviare una riflessione sui centri culturali ibridi, sulla loro natura e sul loro potenziale nei processi di sviluppo urbano, sulle connessioni tra mondo della cultura e mondo dell’educazione in un contesto più ampio di cambiamenti e transizioni culturali, sociali, economiche e ambientali.

Il convegno sarà  inoltre un’opportunità di confronto su progettualità, implicazioni economiche, vincoli e sfide comuni ai vari Enti dell’area metropolitana di Torino impegnati in interventi culturali finanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR.

 

La giornata sarà suddivisa in tre sessioni, cheFare partecipa con Bertram Niessen alla sessione 1

 

PROGRAMMA

09:30 Saluti istituzionali

Interventi:
Fabio Giulivi, Sindaco della Città di Venaria Reale
Sara Abram, Segretaria generale della Fondazione Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale
Alberto Cirio, Presidente della Regione Piemonte
Stefano Lo Russo, Sindaco della Città metropolitana di Torino
Matteo Bagnasco, Responsabile Obiettivo Cultura della Fondazione Compagnia di San Paolo

10:00 – 11:30  Sessione 1

La sessione è incentrata sulla funzione e sulle potenzialità degli spazi culturali ibridi, sull’importanza di progettare nuovi servizi pubblici collettivi, sul ruolo dei nuovi spazi per favorire processi di innovazione sociale a base culturale, sulla necessità di attivare nuovi modelli scolastici in relazione al potenziale creativo e culturale del territorio.

Interventi:
Bertram Niessen, Direttore scientifico di cheFare
 – Partecipazione culturale e senso dei luoghi
Alfonso Femia, CEO e Founder Atelier(s)
- La città buona. Per un’architettura responsabile e generosa
Antonella Agnoli, Progettista culturale
- Spazi condivisi per città più democratiche
Fabio Cirifino, uno dei tre fondatori di Studio Azzurro
- Bottega Studio Azzurro
Aldo Garbarini, Vice Presidente del Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia. Membro del gruppo Ri-Mediare – La comunità educante e i patti educativi

Introduce e modera: Alessandro Bollo, Consulente e manager della cultura

 

Per visionare il programma completo della giornata cliccare qui

 

La partecipazione al convegno è gratuita. Per partecipare occorre prenotarsi ai seguenti link:
Accesso Ospiti Uditori
Accesso iscritti all’ordine degli architetti

 

Foto di Gabriella Clare Marino su Unsplash

Mercoledì 8 Novembre

A Venaria Reale un convegno sugli spazi culturali ibridi

Mercoledì 8 novembre si svolgerà il convegno Gli spazi culturali ibridi: città, persone, visioni e prospettive a Venaria Reale (TO) presso l’aula magna del Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”.

Il convegno nasce per avviare una riflessione sui centri culturali ibridi, sulla loro natura e sul loro potenziale nei processi di sviluppo urbano, sulle connessioni tra mondo della cultura e mondo dell’educazione in un contesto più ampio di cambiamenti e transizioni culturali, sociali, economiche e ambientali.

Il convegno sarà  inoltre un’opportunità di confronto su progettualità, implicazioni economiche, vincoli e sfide comuni ai vari Enti dell’area metropolitana di Torino impegnati in interventi culturali finanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR.

 

La giornata sarà suddivisa in tre sessioni, cheFare partecipa con Bertram Niessen alla sessione 1

 

PROGRAMMA

09:30 Saluti istituzionali

Interventi:
Fabio Giulivi, Sindaco della Città di Venaria Reale
Sara Abram, Segretaria generale della Fondazione Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale
Alberto Cirio, Presidente della Regione Piemonte
Stefano Lo Russo, Sindaco della Città metropolitana di Torino
Matteo Bagnasco, Responsabile Obiettivo Cultura della Fondazione Compagnia di San Paolo

10:00 – 11:30  Sessione 1

La sessione è incentrata sulla funzione e sulle potenzialità degli spazi culturali ibridi, sull’importanza di progettare nuovi servizi pubblici collettivi, sul ruolo dei nuovi spazi per favorire processi di innovazione sociale a base culturale, sulla necessità di attivare nuovi modelli scolastici in relazione al potenziale creativo e culturale del territorio.

Interventi:
Bertram Niessen, Direttore scientifico di cheFare
 – Partecipazione culturale e senso dei luoghi
Alfonso Femia, CEO e Founder Atelier(s)
- La città buona. Per un’architettura responsabile e generosa
Antonella Agnoli, Progettista culturale
- Spazi condivisi per città più democratiche
Fabio Cirifino, uno dei tre fondatori di Studio Azzurro
- Bottega Studio Azzurro
Aldo Garbarini, Vice Presidente del Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia. Membro del gruppo Ri-Mediare – La comunità educante e i patti educativi

Introduce e modera: Alessandro Bollo, Consulente e manager della cultura

 

Per visionare il programma completo della giornata cliccare qui

 

La partecipazione al convegno è gratuita. Per partecipare occorre prenotarsi ai seguenti link:
Accesso Ospiti Uditori
Accesso iscritti all’ordine degli architetti

 

Foto di Gabriella Clare Marino su Unsplash

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Quindi, cheFare?

Iscriviti al corso

Potrebbero interessarti anche questi articoli

L’editore dovrebbe saper perdere il proprio tempo

29 Ottobre 2019

Dal cyborg al postumano, l’uomo del possibile secondo Antonio Caronia

4 Novembre 2020

Come sopravvivere al lavoro culturale, tra antipatie e logiche da clan

11 Luglio 2017